La basilica di S. Angelo in formis: da tempio italico a chiesa benedettina (seconda parte)

il

L'Agorà del Sapere

74568433_759409667855755_8476802705292001280_n (1)

Abbiamo visto (per l’articolo precedente clicca qui),come la basilica benedettina fosse in un passato molto remoto un tempio dedicato a Diana Tifatina; adesso vedremo come la stessa, eretta sull’antico podio del tempio e sfruttando alcune colonne di marmo sormontate da capitelli corinzi, abbia assunto un diverso aspetto già a partire dall’epoca longobarda, quando venne trasformata in una chiesa destinata al culto di San Michele Arcangelo, principe delle milizie celesti che sconfisse il serpente, come fa menzione Daniele nell’Apocalisse.

Grazie al Chronicon Cassinese e al Regestum S.Angeli in Formis, siamo in grado di ricostruire la storia del luogo a partire dal X secolo, quando Pietro I (925-938), vescovo di Capua, autorizzò i monaci cassinesi ad erigere un monastero presso la suddetta chiesa.

78198783_561520361291343_8308692638739988480_nPer volontà di Riccardo, conte di Capua, il complesso verrà affidato nel 1072 all’abate Desiderio a cui si deve un ambizioso progetto iconografico che darà…

View original post 1.007 altre parole

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...